Educandog

Sono una serie di progetti dedicati a differenti età evolutive, strutturati in base alle diverse esigenze e che si sviluppano in laboratori ludico ricreativi AAA ed educativi EAA nei quali i bambini o ragazzi coinvolti diventano i protagonisti attraverso l’esperienza diretta (e il gioco).
Svariate ricerche hanno dimostrato che i bambini si identificano più facilmente con gli animali che con le figure umane. Questo processo è probabilmente agevolato dal fatto che tra animali e bambini vi sono alcune similitudini , come l’utilizzo prevalente del canale comunicativo non verbale ed alcune somiglianze morfologiche come la struttura del capo e la grandezza degli occhi. Proprio per la facilità con la quale si verificano tali processi di identificazione, si può affermare che il cucciolo d’uomo riesca a proiettare sugli animali le proprie emozioni, ansie ed insoddisfazioni, così che il pet diventa una sorta di estensione del proprio IO, fenomeno che permette al bambino di dominare situazioni stressogene di ansia e paura. Avere a che fare con gli animali aiuta il bambino a comprendere il diverso e gli consente di realizzare rapporti sociali positivi. Durante l’incontro con il pet il piccolo inizia a prendere in considerazione bisogni, comportamenti e necessità diversi dai propri e tutto questo facilita lo sviluppo di atteggiamenti empatici e decentrativi.
E’ stato dimostrato che l’allenamento a tenere atteggiamenti empatici rappresenta un valido strumento per prevenire o ridurre comportamenti violenti, caratteristica della personalità antisociale è infatti proprio la mancanza di empatia, ovvero un difetto nella comprensione dei sentimenti altrui e degli effetti che sugli altri hanno le nostre azioni. Gli animali sono in grado di stabilire profondi legami affettivi con l’uomo, scevri da pregiudizi, questo fa si che essi non giudichino, ma anzi accettino incondizionatamente chi hanno dinnanzi. Tutto questo è di indubbio esempio edificante per un bambino la cui personalità è in formazione. L’educazione affettiva e socio-emotiva del bambino, ausiliati dalla presenza dell’animale, favorisce quindi il benessere psico-fisico del piccolo, aiutandolo a crearsi una positiva immagine di sé ed ad instaurare relazioni gratificanti con gli altri. Per questo motivo, lavorare sulle emozioni, anche nei formali luoghi di apprendimento (tra i quali la scuola), è importante per insegnare ai bambini ad auto-controllarsi ed a diminuire la propria aggressività, nonché per prevenire la depressione, per permettere ai piccoli di sperimentare relazioni sociali più soddisfacenti e per accrescere la loro autostima. Infatti i bambini, con intensa emotività e con scarsa capacità di controllo sono solitamente portati a creare conflitti, correndo in tal modo anche maggiori rischi di essere rifiutati dal loro gruppo di pari e di commettere, conseguentemente, atti di bullismo. Il contatto con esseri che hanno bisogni e comportamenti diversi dai nostri, insegna ad essere maggiormente tolleranti nei confronti del Tu.
Visti la grande ricettivitá di bambini e adolescenti e il maggiore sviluppo dell'empatia di coloro che partecipano ai nostri Interventi Assistiti Con Animali, tra i nostri scopi c'é anche renderli consapevoli degli effetti dei cambiamenti climatici sulla natura e sugli animali, e quindi anche sull’uomo. Si mira inoltre a coinvolgerli ancora di piú rendendoli ambasciatori della forte necessità di diffondere conoscenza in merito agli effetti negativi dei cambiamenti climatici, favorendo la presa di coscienza degli adulti nei confronti di un problema che riguarda tutti.
      
Massa G. Interventi Assistiti con animali l'approccio zooantropologico. Tesi di laurea in educatore sociale, culturale e territoriale, Università degli studi di Padova, a.a.  2013/2014                                                                       

Image
Image
Image

Progetti Educandog

Il progetto Educandog é stato rivolto nel 2019 ad alcune classi dell'Istituto Comprensivo Franchi e dell'IIS Einaudi. Nel 2021, a una classe di 10 bambini dell'asilo nido di Sarezzo. Tra il 2022 e il 2023, a 10 alunni del doposcuola del Plesso Scolastico di Adro.
La pet therapy rappresenta una potenzialitá davvero unica e viene sempre piú spesso indicata come un'importante strumento di supporto per i bambini, anche quelli piú piccoli al fine di permettere di stabilire una relazione con gli animali e, attraverso questa, a mettere in atto processi di apprendimento.
I nostri progetti, valorizzati dalla presenza e dall'attivitá con il cane sono costruiti ad hoc e finalizzati a scopi specifici di tipo educativo, ludico-ricreativo e al fine di favorire l'inclusione e coinvolgono diverse aree: cognitiva, emotiva, relazionale, espressiva, motoria, sensoriale volti a sviluppare: intelligenza emotiva, autostima e rispetto per gli altri. I cani coinvolti in seduta non sono strumenti di lavoro, ma protagonisti con il ruolo di interagire spontaneamente con i bambini grazie alla selezione di soggetti socializzati, con un alto grado di sensibilitá ed empatia indiscriminata e preparati con un'educazione mirata.

SUMMER EducanDog 2021 e 2022

Il Progetto Summer EducanDog è stato rivolto nel 2021 ai partecipanti del Grest Scuole Primaria e Secondaria degli Oratori di Concesio e ai partecipanti del Centro Ricreativo Estivo del Comune di Brescia. Nel 2022, invece, è stato rivolto ai partecipanti del Fun&Play Summer organizzato presso il Plesso Scolastico di Adro.
Gli incontri sono stati finalizzati a promuovere e sviluppare atteggiamenti di accoglienza e rispetto reciproco, attraverso il miglioramento delle potenzialità affettive, sociali e cognitive di ognuno.
Pertanto, realizzando progetti di AAA si è offerto ai ragazzi la possibilità di stabilire un rapporto diretto con il pet, attraverso il quale sviluppare l’empatia che permette di rinforzare atteggiamenti di comprensione verso l’altro e la reciprocità relazionale.
L’intento comune della nostra fondazione con gli organizzatori del Grest estivo è stato quello di promuovere nei vari gruppi partecipanti all’attività il rispetto verso gli altri esseri viventi, la comprensione di una comunicazione “diversa” ma pur sempre legata al nostro appartenere alla natura. Attraverso una serie di attività ludiche di gruppo i nostri protagonisti hanno potuto imparare il giusto approccio con il cane, il rispetto delle regole sociali, l’importanza del prendersi cura dell’altro, il rafforzare la propria autostima grazie alle competenze nuove acquisite.
Il nostro staff ha avuto il piacere di incontrare ragazzi molto ben educati, fortemente coinvolti e divertiti nelle attività e capaci di rispettare i nostri preziosi collaboratori… i nostri cani.

Chi Siamo

Amore e sostegno sono ciò che caratterizza Risedog: la fondazione che unisce animali e persone.